Assolta Edda Ciano

Print Friendly, PDF & Email

"La Corte ritiene che l’imputata debba essere assolta dall’imputazione in esame perché il fatto non sussiste". Con questa sentenza il Tribunale di Palazzo Cusani ha assolto Edda Ciano di Cortellazzo e di Buccari nata Mussolini nel dibattimento celebrato a Milano lo scorso giovedì 19 novembre.
Gravi le accuse mosse nei confronti dell’imputata,circa le sue presunte responsabilità in merito alle contestate false dichiarazioni sulle effettive modalità con le quali l’incolpata si era salvata dal naufragio della nave-ospedale PO nella rada di Valona nel marzo 1941; ai tentativi di fornire in più occasioni a uno Stato straniero (Germania) documenti riservati e segreti militari nazionali riportati nei diari segreti del marito in concorso con il medesimo; alla relazione sentimentale da lei strumentalmente intrattenuta, con il partigiano comunista eoliano Leonida Buongiorno, presso l’isola di Lipari durante il suo confino nell’isola nel 1945.

Per scaricare il testo dell’intera sentenza CLICCA QUI.

Share Button

Comments are closed.