Nino Bixio assolto dal Tribunale dei Cavalieri Piri Piri

corte bixio
Print Friendly, PDF & Email

Ce l’ha fatta. Nino Bixio è riuscito a uscire indenne dal tribunale culturale dei Cavalieri Piri Piri riunitosi il 5 febbraio alle ore 17,30 presso la splendida Sala Radetzky di Palazzo Cusani a Milano. Dopo un lungo dibattito il famoso garibaldino è stato infatti assolto dal Collegio presieduto dal Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca, collezionista e grande conoscitore del periodo risorgimentale.
L’Accusa, rappresentata dall’avv. Cristiano Fiore, affiancato dai testi Gen. Mario Terrasi e avv. Mario Traverso, ben poco ha potuto fare contro i rappresentanti della Difesa, affidata all’avv. Franz. Sarno, con i suoi due testi, il Prof. Dario Cova e l’avv. Enrico Allegro. L’intero impianto accusatorio, che vedeva Bixio come il maggior responsabile del "Massacro di Bronte" del 1860, è stato pian piano smontato dalle argomentazioni della difesa. Durissime le accuse: concorso in omicidio plurimo e omicidio aggravato. Ma, precise informazioni storiche, testimonianze dell’epoca e documenti alla mano, il garibaldino ha visto alla fine far prevalere la sua estraneità ai fatti, o per lo meno la sua buona fede. Ottimo anche il lavoro svolto dai due giudici a latere, la dott.ssa Jole Milanesi e la dott.ssa Carla Raineri – entrambe Consigliere presso la Corte d’Appello di Milano – che hanno saputo ben coadiuvare il lavoro del Prefetto Tronca, Presidente onorario dei Cavalieri Piri Piri.
"L’evento è stata un’ottima occasione per ripercorrere la storia all’interno delle nostre sale", ha sottolineato il Gen. Pennino, per l’occasione Padrone di casa d’eccezione. "Una funzione culturale quasi necessaria" ha voluto invece sottolineare Camillo de Milato, Presidente del Circolo di Cultura e Scienza Piri Piri, a testimoniare ancora una l’importanza di far rivivere importanti fatti della storia umana con spirito critico e ironico.

Per scaricare il testo della sentenza definitiva, CLICCA QUI.

Share Button

Comments are closed.